Home

Custode dei sogni

Matilda è un’adolescente inglese che non ama le feste, né i trucchi, e nemmeno le avances insistenti dei suoi coetanei. La sua vita scorre tra la famiglia, le noie di un’estate alle porte, con le sue feste stupidine e lo shopping per i centri commerciali, il gatto Morpheus e gli sms all’amica del cuore. Finché non incontra Sam, un ragazzo che la segue timidamente ma con una certa, inquieta insistenza. Sam è un po’ sui generis, parla a bassa voce, la testa sempre nascosta dal cappellino. Ha il fascino del non detto, del mistero. Un ragazzo da sogno. E non è un modo di dire. Sam è Sand, un vero e proprio sogno, un sogno che Matilda, da bambina, fantasticava a immaginare. L’immaginazione ha preso corpo, l’elfo Sand e la sua spada a forma di giglio esistono, e lui è venuto da lei dal Mondo dei Sogni. Perché? C’è un certo trambusto da quelle parti, i sogni sono minacciati da Itanock, un sogno cosciente che ha deciso di diventare un essere in carne e ossa. E via, viaggio nel Mondo dei sogni per distruggere le intenzioni del sogno malvagio! Che poi Sand abbia raggiunto Matilda anche per un altro motivo, e che tra i due sbocci un amore che nessuno accetterà, il lettore lo desidera fin dal principio. Sand è l’ideale che si è fatto carne, la fantasia che ha preso il posto della realtà, l’amico fedele e buono che protegge e che arrossisce se ti da un bacio. Insomma, un vero principe azzurro. Ma Itanock fa un patto con Matilda: smetterà di mettere a fuoco il Mondo dei sogni se avrà in cambio, da lei, una parte della sua energia vitale. In sovrannumero, le dona l’essenza di tutti i sogni che ha già assorbito, e di cui lei sarà custode. L’incantesimo si compie, Matilda si sacrifica, il fantasma della morte è più vicino. Ma il Mondo dei sogni al momento è salvo. E l’umanità intera anche. Ma sarà davvero così? Possiamo fidarci? E Sand? Non resta che aspettare la prossima puntata. Per l’intanto, io torno a rileggere La custode dei sogni. Buona lettura anche a voi!

Nicoletta Torregrossa, La custode dei sogni – le essenze, Elpìs, Palermo 2014.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...