Home

I radicali ci hanno fatto credere che il 41 bis fosse una specie di sepoltura da vivi. Visto che non è così, visto che sanno quello che succede ai processi, alla TV, a Napolitano eccetera, e hanno pure il tempo di progettare attentati, allora gli scrivo questa lettera. Non si sa mai che, dentro al 41 bis, Totò Riina non apra il pc e inciampi su Apriekiudiletendestan:

Visita_da_una_grata_del_carcere_dell'Asinara

Compà,

vascio, vai vascio. Si’ o carcere per sempre, pi’ sempre, ‘u vo’ capire?

Senti quello che ti dico: ora basta. Stattinni quieto; tanto ‘unn’esci. Chi vo’ fare? Bumme, giochi di fuoco, ammazzatine? ‘Unn’è cose.

Prima o poi ‘a moriri hai. E dda rinta hai ‘a moriri, oramà ‘a to vita t’a po’ sulu sunnari, fori ‘i ddocu. Tu, Totò, solo di morto uscirai d’o carcere. Ora, io spero pi ttia ca sta morte t’arrivasse presto – no, no pi nuatri, noi non è che ci cancia qualche cosa, oggi come oggi – ma pi ttia, vero dico: almeno ‘a to vita tanto miserabbile finalmente si chiuìssi. Male, come hai vissuto: senza lacrime, senza amore, senza cumpari. Na liberazione, na pura, semplice, delicata liberazione.

Aspittannu a’ to’ morte, iu, fossi nni tia, penserei a cose – comu t’u pozzu dire? – a cose fru fru. Hai un’ora di luce al giorno: un’ora. Ma invece di parrare di bumme, di straggi, e fari u sparacazzi ‘i Murriali, ma fumati ‘na sicaretta e statti tranquillo! Pigghiati u suli, pigghiati l’aria, respira, fatti ‘na cursitedda, e camina! Chi fai tutt’u jornu ‘nna cella? Leggi il giornale, guardi alla televisione? Ma lassa stare! Guardati ai cartoni animati! ‘Un circare notizie di processi ‘nni giornali, leggiti fumetti! Leggiti i Beati Paoli, ca ‘u sapemu ca ti piacinu!

Disegna, colora! ‘U viri a chiddu, a Mutolo, ca ora fa quadri. E fa’ quadri puru tu, santu Diu! Fatti ‘na pianta di basilico, ma anche ‘na pianta di mariuana, pi’ uso personale! Dici ca studi ‘u fenicio? E fatti qualche traduzzione, t’u ricu io ca faccio traduzzioni d’o liceo, l’occhi ci pirdìvu ‘nacp’ ‘o Rocci: ma ‘u sai quant’è bello, le soddisfazzioni che ti cci pòi pigghiare?

Insomma Totò: ‘un ci scassare cchiu a minchia. Semu stanchi, ‘i tia, ‘i to’ bumme, ‘i to straggi. Di Matteo nnò so letto avi ‘a moriri. U cchiu tardi possibbile. Tu, nnu to letto, un ci mori.

Saluti e baci.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...