Home
 
Come sempre, la chiarezza paga. E appaga. Anche e soprattutto se essa impone sacrifici, o coinvolge sfere dell’emotività tese dal dolore e dall’orrore. Chissà se essa sia la chiave per fornirci pascoli di serenità, rilassatezza o anche solo quiete. I rumori del mondo disturbano le nostre orecchie sempre e comunque, per cui bisogna operare per mettere a tacere il rumore che abbiamo dentro. E il modo migliore è renderlo mondano – è ridurlo, farlo banale, controllabile. Esternarlo. Dargli un suono, un’apparenza forse (ma non è detto che non sia sufficiente), di rumore pari a quello dell’auto che starnazza, di campanelli che esigono, di trilli squilli frasi che ci bombardano, ma che conosciamo, che controlliamo, perchè anche noi ce ne serviamo per bombardare, a nostra volta.
E’ possibile cambiare. Bisogna cercare le soluzioni per farlo. E avere accanto delle persone splendide. Senza, siamo perduti.
Voglio dire: anche con siamo perduti. Ma non possiamo non essere con, siamo uomini e donne che diamine, non viviamo su uno scoglio in mezzo al mare. Cerco di spiegarmi meglio: se stai da solo, il male che hai dentro ti fa male, ma non fa male ad altri. Giusto? Ma questa soluzione implica che si sia soli, e noi non siamo soli, dobbiamo e vogliamo avere a che fare con i nostri simili, amarli, ancorché quel male possa essere stato ricevuto, a sua volta, da altri. Per questo dico che è possibile essere persi o perdersi anche con delle persone accanto (splendide): nella misura in cui il male sgorga da dentro e si riversa fuori, sopra chi non merita d’esser maltrattato. Follìa allo stato puro. Ora, però, una delle componenti della possibilità di cambiamento, di superamento di sè, è, anche, appunto, la chiarezza. E poco vale essere chiari con se stessi, grazie mille, quello è comodo facile e inutile. E’ con le persone che amiamo che dobbiamo metterci in chiaro: così, soltanto così dev’essere possibile non far loro del male, e, forse, cessare il male.
 
Come scrivevo un tempo, on verra. Ma decisamente, al momento attuale, con serenità.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...