Home
In teatro, almeno, c’è la quarta parete. Non devi oltrepassarla, ma uno scambio di sentimenti, ed energie, c’è. Un flusso, lo chiama un’amica. Uno scambio. Tra quello che hai dentro e quello che c’è al di fuori di te. Si istaura una sorta di rapporto osmotico, anche quando dinamiche come lo squilibrio rendono l’osmosi un puro travaso.
Altrove, la quarta parete non esiste. Qual è la quarta parete qui? Non ce n’è, tutte e quattro le pareti sono chiuse, maledettamente chiuse. Una finestra, un balcone, una passeggiata, non ti impediscono di vivere in un incubo. Resta questa vera finestra virtuale, aperta a chi legge, spalancata – come dice un altro amico. Certo che è spalancata. E’ l’ultimo sfogo, l’unico modo per non battere la testa contro le pareti, quelle vere, quelle chiuse. E’ l’unica monade aperta che rimane.

One thought on “Pareti, finestre, monadi

  1. Penso che nessuno abbia quattro pareti di cemento armato attorno, o almeno, per quanto mi riguarda le mie le ho comprate all\’Ikea. Voglio dire che nessuna di queste barriere e\’ impossibile da aprire: lo si puo\’ fare solo dall\’interno, se chi bussa e\’ cordiale e se vedi dallo spioncino che ti puoi fidare🙂

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...